sabato 19 maggio 2018

ECCO IL MOSTRUOSO TESORO SEQUESTRATO AL “CLAN FINI”: VILLE, IMMOBILI, CONTI E DENARO CONTANTE. TUTTO GRAZIE ALL’AMICO CHE GRAZIE A LUI EBBE LA CONCESSIONE PER LE ODIOSE SLOT MACHINES! DIFFONDIAMO TUTTI QUESTO SCHIFO!



La lista completa dei conti correnti e degli immobili, tra Roma, Sabaudia e l’Abruzzo,  sequestrati dalla Guardia di Finanza ai familiari dell’ex leader di An. Che dopo l’avviso di garanzia commenta: «Ho fiducia nella magistratura»


L’immobile di Alleanza nazionale fu comprato da Giancarlo Tulliani con i soldi del re delle slot Corallo. E ora l’arresto dell’imprenditore catanese e dell’ex parlamentare Laboccetta svela i conti esteri del suocero dell’ex presidente della Camera
E’ un vero tesoro l’elenco degli immobili e dei conti correnti sequestrati all’alba di oggi dallo Scico della Guardia di Finanza a Elisabetta, Giancarlo e Sergio Tulliani. La consorte di Gianfranco Fini, ex presidente della Camera, è indagata con il fratello e il padre per riciclaggio e autoriciclaggio: secondo la Procura di Roma, i tre familiari hanno ricevuto profitti illeciti per sette milioni di euro da Francesco Corallo , l’imprenditore catanese diventato miliardario con la concessione statale per le macchinette mangiasoldi (slot e vlt). Corallo è stato arrestato il 13 dicembre nel paradiso fiscale di Sint Marteen con l’accusa di aver sottratto all’Italia oltre 250 milioni di euro.

L’inchiesta ora coinvolge anche Fini, indagato per concorso in riciclaggio. L’ex leader di An ha commentato così la notizia anticipata oggi dall’Espresso : «L’avviso di garanzia è un atto dovuto. Ho piena fiducia nell’operato della magistratura, ieri come oggi». Il riferimento è all’archiviazione dell’inchiesta del 2010 sul caso dell’appartamento di An a Montecarlo. Anche questa indagine ora è stata riaperta dopo la scoperta che Giancarlo Tulliani aveva acquistato quella casa, nel 2008, con soldi versatigli segretamente dalle società offshore di Corallo, per poi dividere il ricavato con la sorella Elisabetta, che ha incassato personalmente almeno 739 mila euro.

Ecco la lista completa dei conti e degli immobili sequestrati alla consorte di Fini, al fratello Giancarlo e al padre Sergio, impiegato in pensione dell’Enel.
Elisabetta Tulliani

800 mila euro su un conto bancario italiano.
Appartamento a Roma in via Sardegna.
Altro fabbricato nella capitale in via Orso Mario Corbino.
Altri due immobili da 167 e da 52 metri quadri a Rocca di Mezzo, in Abruzzo.


Giancarlo Tulliani

Due appartamenti di 247 e di 62 metri quadri in via Conforti a Roma.
Altro appartamento in un diverso palazzo di via Conforti.
Già sequestrati 520 mila euro sul suo conto italiano: soldi che Giancarlo Tulliani aveva tentato di trasferire a Dubai dopo l’arresto di Francesco Corallo.


Sergio Tuliani

175 mila euro su un conto italiano;
La sua quota (metà) della proprietà di un immobile a Capranica Prenestina (Roma):
Il 50 per cento di altri due appartamenti a Roma, in via Raffaele Conforti, con cantina e garage.
Metà di un altro immobile a Roma in via Roberto Ago con cantina e garage;
Il 50 per cento di un ulteriore appartamento a Roma in via Quattro Venti.
Casa al mare in via Caterattino a Sabaudia.

FONTE;
DAGOSPIA


8 commenti:

  1. Bisogna fare molta pulizia in Italia 🤔via i ladri e i corrotti .Via!Le famiglie italiane hanno bisogno di ossigeno, e tutto questo scoperto grazie al M5S .

    RispondiElimina
  2. Gente senza scrupoli ! Eletti dal popolo e loro ne hanno approfittato x distruggerlo . Vigliacchi e disonesti

    RispondiElimina
  3. Ha distrutto AN se ne andasse in carcere

    RispondiElimina
  4. Oltretutto con le slots hanno rovinato migliaia di famiglie, come facevano a dormire tranquilli?
    Questa gentaglia ê da galera, ma sul serio però temo che visto il passato da politico vada a finire a tarallucci e vino.
    Questa é l'italia da cambiare, dove i politici si sentono onnipotenti coperti da immunità medioevali.

    RispondiElimina
  5. sequestrati e vendeteli x tempo questi sono soldi ho immobili sottratti al popolo italiano questi sig. si fa per dire devono pagare con la galera x tutti i reati da loro commessi senza prescrizione ho altri sotterfugi non solo paga caro il povero cristo che commette un piccolo reato sperando che la legge faccia il suo corso.

    RispondiElimina
  6. lo hanno indagato solo perche' e'un trombato da Berlusconi....ma non fa piu' danni....quelli che fanno danno sono quelli che ancora hanno le poltrone....la stragrande maggioranza di loro e' corrotta.....come lo era prima di tangentopoli

    RispondiElimina
  7. Quando arriveremo a quelli più grossi?
    Per farci ridare il mal tolto!
    Tutto si può dire ma non che erano inesperti.
    Direi che sono molto ESPERTI!!!

    RispondiElimina
  8. Per essergli rimasto così poco se ne sono mangiati di soldi, o stanno nascosti da qualche parte e non li hanno trovati ( o cercati )

    RispondiElimina