martedì 28 agosto 2018

CLAMOROSE DICHIARAZIONI DI UN DIRETTORE DI BANCA ETRURIA "LA BANCA DEI BOSCHI ERA UN MERCATO DI SCAMBI POLITICI"! PER NON DIMENTICARE!



Banca Etruria era diventato un grande mercato di scambi e favori politici, sulle spalle dei risparmiatori. E’ la denuncia di un direttore di Banca registrata dalla trasmissione di La 7 “Piazza pulita” che ha realizzato un’intera puntata sulla vicenda dell’Istituto di Via Calamandrei. Una situazione fuori controllo quella in cui era arrivata la banca aretina.
#RENZI #DIMETTITI Col "Salvabanche" ha derubato i risparmiatori di Banca Etruria, rovinata anche dai suoi genitori.
Una nazione democratica nella quale "la legge è uguale per tutti", prima ancora d'essere governata dal diritto stabilito dai codici, è basata sull'assunzione della responsabilità.
Ora capite perché politici e banchieri vanno a braccetto!?? E perché i 4 governi tecnici che abbiamo avuto in 6 anni hanno speso 85 Miliardi di denaro pubblico per salvare banche fallite??
4 GOVERNI TECNICI CHE IN TOTALE HANNO REGALATO MILIARDI ALLE BANCHE, SOLDI A DEBITO CHE PAGHEREMO TUTTI NOI! PER TERREMOTATI, PENSIONATI MINIMI E DISOCCUPATI I SOLDI NON CI SONO MAI...PER LE BANCHE SEMPRE!!! #DIFFONDETE
Oggi il Governo mette la fiducia alla Camera sul decreto che regala 5 miliardi subito a Banca Intesa e altri 12 miliardi sono a rischio sui crediti deteriorati e i contenziosi degli istituti veneti. Un provvedimento che costerà alle casse dello Stato, e quindi ai cittadini, 17 miliardi di euro, accettando il ricatto di Banca Intesa che si è presa solo le parti buone di Popolare di Vicenza e Veneto Banca che di fatto verranno cancellate dalla faccia della terra lasciando a casa circa 4mila lavoratori e con centinaia di migliaia di piccoli risparmiatori al lastrico.
Ma l'operazione di oggi è solo l’ultimo di una serie di regali, composta da prestiti, garanzie, risparmi e dividendi garantiti al settore bancario, veri e propri aiuti di Stato. Il tutto, ovviamente, finanziato con i soldi degli Italiani.
85 miliardi di Euro.
Questa è la cifra spaventosa che lo Stato italiano ha garantito alle banche negli ultimi sei anni.
Si comincia nel 2011, con il Governo Monti, che "presta" 4,1 miliardi di Euro a MPS. Soldi pubblici spesi e il risultato finale è davanti agli occhi di tutti.
Sempre nel 2011, poi, arriva il Decreto Salva-banche, che comprendeva le garanzie dello Stato sulle obbligazioni tossiche degli istituti, per un valore di 160 miliardi. Il risultato, per il settore bancario, è di 25 miliardi di Euro prodotti tra il 2011 e il 2015.
Passiamo al Governo Letta, che nella Legge di stabilità del 2013 prevede la revisione del trattamento fiscale delle perdite sui crediti, producendo un risparmio per le banche, secondo una valutazione di Mediobanca, di 19,8 miliardi di Euro.
Nel gennaio del 2014, poi, arriva il decreto che rivaluta le quote di Bankitalia. Si passa dal valore 156mila euro a 7,5 miliardi di euro e le banche socie incassano dividendi per 1.060 miliardi, pari a circa 380 milioni all’anno.
Arriva il momento del Governo Renzi, che nel novembre del 2015 approva un altro Decreto "Salva-Banche", tagliato su misura per quattro istituti del centro Italia, tra cui, guarda caso, Banca Etruria. L’esborso è di 2 miliardi di Euro tramite il fondo di risoluzione delle banche e altri 2 da una linea di credito garantita da Banca Intesa, Unicredit e Ubi.
Ad aprile 2016, poi, la riforma dell’articolo 120 del Testo unico bancario genera ricavi per il settore bancario pari a 2 miliardi di Euro all’anno.
Infine, il Governo Gentiloni e i salvataggi degli ultimi giorni.
Prima i 5,4 miliardi per Mps, poi una cifra simile per le banche venete. E considerando i costi totali delle due operazioni, l’esborso complessivo dello Stato potrebbe arrivare a 23 miliardi.
Il totale parla di oltre 85 miliardi regalati in varie forme alle banche.
Adesso sappiamo perché non ci sono mai soldi per i cittadini: vengono regalati alle banche.
Gli Italiani, grazie agli ultimi governi, pagano le tasse per salvare le banche.
Voi con tutti questi soldi cosa avreste fatto per il nostro Paese?

Nessun commento:

Posta un commento