lunedì 20 agosto 2018

Delrio indagato. Sapeva del rischio ma non mosse un dito....Guardate cosa e' saltato fuori!



Fu l’ex parlamentare Maurizio Rossi a rendere noto il pericolo del ponte. Per ben due anni di seguito suscitò la questione a Delrio.
Ecco cosa riporta Il Giornale:
“Risulta pertanto indispensabile procedere con sollecitudine a cantierare il progetto denominato “gronda di Genova” per il quale la società Autostrade ha già in cassa le risorse necessarie per iniziare i lavori derivanti dagli aumenti tariffari concordati in cambio della concessione ottenuta”, aggiunse.
Stessa cosa l’anno dopo, ad aprile del 2016. Rossi, come riporta Il Messaggero, tornò quindi alla carica ribadendo la mancata sicurezza del ponte, sempre rivolgendosi al piddino.
“l viadotto Polcevera dell’autostrada A10, chiamato ponte Morandi, è un’imponente realizzazione lunga 1.182 metri, costituita su 3 piloni in cemento armato che raggiungono i 90 metri di altezza che collega l’autostrada Genova-Milano al tratto Genova-Ventimiglia, il ponte è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un’opera straordinaria di manutenzione senza la quale è concreto il rischio di una sua chiusura”.
E’ ben chiaro, quindi, che la tragedia poteva essere evitata, ma non hanno mosso un dito all’epoca i responsabili delle infrastrutture.
E Delrio al momento non ha ancora replicato. Come giustificherà la sua incoscienza?
Fonte: ilgiornale

1 commento:

  1. Denunciato penalmente per morte premeditata. Non prendendo con responsabilità l'imminente pericolo di un crollo. Il signore a suo tempo avrebbe dovuto sporre denuncia contro Benetton. Non facendola e stato partecipe alla sciagura.

    RispondiElimina