domenica 5 agosto 2018

TANGENTI SULLA TAV, ARRESTATI FIGLI DI POLITICI E DI ALTI PAPAVERI. ECCO CHI SONO I PARASSITI DI QUESTO STATO INFAME E PARASSITA



Spiccano due nomi illustri nell’inchiesta della Procura di Roma su appalti e corruzione delle grandi opere. Uno è l’imprenditore Giandomenico Monorchio (figlio dell’ex ragioniere generale dello Stato Andrea Monorchio) arrestato stamattina dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma. L’altro, che risulta indagato a piede libero, è invece Giuseppe Lunardi, anch’egli imprenditore, nonché figlio dell’ex potente ministro Pdl ai Trasporti e alle Infrastrutture del governo Berlusconi, Pietro Lunardi. Sono in totale ventuno gli arrestati tra Lazio, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana, Abruzzo, Umbria e Calabria nell’indagine condotta dai carabinieri di Roma e denominata «Amalgama» (per simboleggiare i legami stretti). Ipotizza la corruzione per ottenere contratti di subappalto nell’ambito dei lavori per la realizzazione della tratta Tav «Av./A.C Milano-Genova-Terzo Valico Ferroviario dei Giovi» (Alta Velocità Milano-Genova), del 6° Macrolotto dell’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e della People Mover di Pisa. Agli indagati i procuratori aggiunti Paolo Ielo e Michele Prestipino contestano, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e tentata estorsione. Uno scambio di favori tra dirigenti e imprenditori. Falsi certificati sui lavori in cambio di subappalti. Ruolo «chiave» era quello del direttore lavori, l’ingegner Giampiero De Michelis, considerato il «promotore e organizzatore» della banda insieme all’imprenditore calabrese Domenico Gallo. Era proprio lui che, incaricato della direzione dei lavori dal «contraente generale», svolgeva compiacenti controlli di qualità e rilasciava certificati dove si affermava il falso, ottenendo come contropartita «commesse per beni e servizi» fatturati a ditte riferibili a parenti o amici. Il complesso meccanismo è spiegato dalle intercettazioni telefoniche con le quali i carabinieri, agli ordini del generale Antonio De Vita, hanno incastrato i due principali protagonisti e gli altri indagati coinvolti, a vario titolo, nell’inchiesta. Tantissime le telefonate ascoltate dagli inquirenti. C’è ad esempio quella dell’aprile 2015, nella quale Gallo dice a un coindagato: «Chi fa il lavoro… la stazione appaltante… i subappaltatori… deve crearsi l’amalgama, mo’ è tutt’uno… Perché se ognuno tira e un altro storce non si va avanti… Quando tu fai un lavoro diventi… parte integrante di quell’azienda là… E devi fare di tutto perché le cose vadano bene… è giusto?». I carabinieri annotano nel verbale, poco dopo, lo stupore dello stesso Gallo nell’apprendere che il suo interlocutore credeva che i controlli sui lavori venissero svolti secondo le regole: «Ah, perché pensavi che erano…». Quello risponde: «Io sì», e Gallo chiarisce: «Nooo… non pensare…. Chi pensa male fa peccato ma non sbaglia mai». FONTE: LA STAMPA

9 commenti:

  1. ECCO PERCHE' IL PD VUOLE IL PROSIEGUO DEI LAVORI TAV.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...i Carabinieri giustamente cercano le prove, ma a parte i nomi e cognomi, si sapeva l'andazzo...anche per i 49 mil italiani contro i 20 mio francesi

      Elimina
  2. Ecco il perché si sono elettiun Presidente garante oltre ad essersi fatto una legge su misura per fare le elezioni tarocco. Per fortuna che il popolo ha iniziato ad aprire gli occhi. Si deve riprestinare la pena di morte per i traditori della Patria, per i politici degli affari di famiglia e per la delinquenza professionale rumena-albanese-zingara-pedofili-strupatori. La cosa peggiore sono le Divinità onnipotenti incollate sugli alti scranni del potere nominate da parlamentari abusivi e per spartizione politica, le quali fanno le vittime e usano le Parole Divine: "Razzismo, Fascismo, Intolleranza, Mafia, ecc." Per salvare il sistema e remare contro il Governo del cambiamento.

    RispondiElimina
  3. Sono pienamente d'accordo,una ghigliottina in piazza per avere la legge che' manca.

    RispondiElimina
  4. A volte quando leggo questi annunci non mi scandalizzo + di tanto, questo perchè si sanno già da dove provengono politicamente gli indiziati, ... ecco perchè la sinistra invoca sempre la necessità e il proseguimento dei lavori sulla T.A.V. altrimenti non sanno dove trovare i soldi per mantenersi e sopravvivere al proprio futuro; poi abbiamo anche il MOSE di Venezia, con lo stesso problema delle mazzette, ma la cosa + incresciosa che al momento mi sconvolge è quello legato alla ex ministro Lorenzin sulle vaccinazioni oblicatorie a tutti i costi,...qualcosa mi puzza un pò di marcio forse perchè hanno paura che vengano a galla certi scheletri che nascondono nei propri armadi?..... o forse perchè se questo decreto decade perdono i profitti promessi dalla casta delle case farmaceutiche che hanno promesso alla sinistra?....boooo vedremo che cosa succederà in futuro. ovviamente queste sono solo delle mie illazioni, però non capisco, l'attuale proroga, che rinvia le vaccinazioni al prossimo anno,vengono demonizzate dalla sinistra e da altre forze politiche, come se fosse un disastro incommensurabile,..... ma scusate signori P.Dioti, che cosa cambia?... i nostri figli, fini ad ora, tranne una piccolissima percentuale sono cresciuti in una forma del tutto normale , che cosa cambia se si rinvia il decreto per qualche mese?.... sicuramente avete paura che vengano fatte delle ricerche + consone ed escano fuori i vostri interessi personali atti a confermare le vostre pressioni, all'attuale governo?.... è si, questa volta i cittadini vi condanneranno ancora una volta e scenderete ancora sotto la soglia del 10%. tanti auguri!!!!

    RispondiElimina
  5. Giustissimo informare Fareste meglio se faceste restituire i 49 milioni di euro ai vostri compari di Governo. Se continuate a legiferare insieme siete complici.

    RispondiElimina
  6. Ma tra le prime operazioni non dovevate ridurvi gli "stipendi"?

    RispondiElimina
  7. Avete visto Tajani come ha difeso la TAV per paura che l’Italia di ritiri dal cantiere ? In Francia un Km costa 20 milioni, in Italia costa 60. Chissà perché. La mangiatoia è finita.

    RispondiElimina
  8. Comunque si parla dell alta velocita in Italia e non della Tav Torino-Lione...
    Non facciamo falsa informazione...

    RispondiElimina