domenica 2 settembre 2018

Alfonso Bonafede senza peli sulla lingua: LA NOSTRA VISIONE DI GIUSTIZIA FA TREMARE IL SISTEMA...



BONAFEDE : " VOLEVANO IL BAVAGLIO SU CONSIP A SETTEMBRE LA SVOLTA SULL' ANTICORRUZIONE !" #Diffondete
#Intercettazioni, Alfonso Bonafede: "Ogni volta che qualcuno del Partito Democratico veniva ascoltato, tagliavano la linea"
LA NOSTRA VISIONE DI GIUSTIZIA FA TREMARE IL SISTEMA
Vi siete chiesti perché Renzi, Forza Italia e persino qualche membro della giustizia italiana passi le giornate ad attaccare le proposte del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede?
Basta leggere questa intervista per capirlo.
Il Sistema di corruzione, malaffare e "favoritismi" è sempre stato garantito dalla politica attraverso leggi scientificamente innocue. Il PD, ad esempio, non si è mai degnato di fare una seria legge sul conflitto d'interessi nonostante facesse finta di voler sanare la "distorsione" chiamata Silvio Berlusconi.
D'altronde tutti ricordiamo la fedeltà degli uni agli altri sancita dalle parole di Luciano Violante.
Ora però il vento è cambiato e la lotta alla corruzione, al conflitto d'interessi e alle mafie sono davvero una priorità per il Governo del Cambiamento e segneranno la reale nascita di una Terza Repubblica in netto contrasto col sistema che sostenne la Trattativa Stato-Mafia e da lì si legò le mani per sempre.
Stateci accanto perché gli attacchi saranno violenti e, come sempre, più lo saranno più vorrà dire che siamo sulla giusta strada.
Avanti così.
OGGI FINALMENTE TOGLIAMO LE MANI DELLA POLITICA DALLE INTERCETTAZIONI.
#Bonafede #Video #DIFFONDI
https://www.facebook.com/Alfonso.Bonafede.M5S/videos/2057186407625488/
BONAFEDE CANCELLA LA LEGGE BAVAGLIO SULLE INTERCETTAZIONI CREATA DAL PD PER LO SCANDALO CONSIP DA 2,7 MILIARDI
Un dossier che potrebbe mandare in galera Matteo Renzi. Ipotesi estrema, ma non campata in aria perché la querela di decine di pagine presentata da Luigi Di Maio alla Procura di Napoli sui presunti appalti facili finiti all'imprenditore Massimo Pessina dopo l'acquisto del quotidiano del Pd L'Unità, sottolineava il Giornale, si basa su accuse pesantissime che chiamano in causa direttamente l'ex premier e segretario democratico.
Il premier del Movimento 5 Stelle individua reati come istigazione alla corruzione, corruzione internazionale, induzione indebita, turbativa della libertà degli incanti e traffico di influenze illecite. Il conto se accolte? Una decina di anni di carcere. La "segnalazione" di Di Maio rientra nell'inchiesta napoletana (e romana) sull'imprenditore Alfredo Romeo e Consip (con Tiziano Renzi, padre di Matteo, formalmente indagato insieme all'attuale ministro dello Sport ed ex sottosegretario Luca Lotti), ed è stata girata anche all'Anac del commissario Cantone.
Fonte: Notizie in Movimento
QUELLO CHE CON 15000 EURO IN BANCA STACCA 4 ASSEGNI DA 100MILA EURO PER COMPRARE UNA VILLA DA 1,3 MILIONI...
VILLONE DA 1,3 MILIONI
RENZI ER CAZZARO! il 18 gennaio annunciava al mondo: “ho 15.859 euro nel conto corrente” però ha appena staccato 4 assegni da 100.000 euro l'uno come anticipo per una super villa in via Tacca, in uno dei posti più belli di Firenze
Siamo andati a vedere dove si trova la lussuosa casa per cui l'ex premier, come vi abbiamo raccontato, ha staccato quattro assegni da 100.000 euro l'uno come anticipo. Pagherà i restanti 900.000 con un mutuo (il quarto).
Leggi l'inchiesta di Giacomo Amadori
RENZI A MATRIX: ECCO IL MIO CONTO CORRENTE 15859 euro...La Verità: ‘#Renzi piange miseria ma si fa la villa da 1,3 milioni’
“Il 13 giugno scorso, Matteo Renzi, nello studio fiorentino del notaio Michele Santoro, ha firmato, insieme con la moglie Agnese Landini, un preliminare d’ acquisto per una villa situata in via Tacca”.
Lo scrivono Giacomo Amadori e Giorgio Gandola su La Verità in un articolo intitolato “Renzi piange miseria ma si fa la villa da 1,3 milioni“.
Via Tacca, spiega il giornalista, è “una delle più prestigiose strade di Firenze, immersa nella natura dei colli cittadini, a due passi dal belvedere di piazzale Michelangelo”.

Nessun commento:

Posta un commento