martedì 11 settembre 2018

ARRESTATI 2 GIUDICI! MIGLIAIA DI EURO DI TANGENTI: ECCO COME FUNZIONAVA LA GIUSTIZIA PER QUESTI “SIGNORI”



Tangenti a Milano, ​arrestati due giudici tributari L’inchiesta della procura ha svelato un collaudato sistema di corruttele: soldi in cambio di sentenze “addolcite” dai giudici Mazzette per “addolcire” le sentenze sui contenziosi fiscali. Nuovo terremoto a Milano nel mondo delle Commissioni tributarie. L’inchiesta della procura, dopo l’arresto del professore Luigi Vassallo, giudice tributario in Appello, detenuto a Opera, porta in carcere Marina Seregni, commercialista 70enne di Monza. La misura cautelare emessa oggi coinvolge entrambi i giudici, e riguarda nuovi presunti episodi di corruzione. Ma andiamo con ordine. Le manette sono scattate il 17 dicembre scorso per Vassallo, colto in flagranza mentre incassava 5 mila euro, prima tranche di una tangente da 30mila. Ora la stessa sorte è toccata alla Seregni, rinchiusa nel carcere di San Vittore, e accusata di aver diviso con Vassallo i proventi di una nuova bustarella da 65mila euro, versata dalla Swe-co Sistemi Srl, una società che aveva subito una contestazione fiscale dell’Agenzia delle entrate di 14 milioni di euro. Le Commissioni tributarie sono poco note: nominate con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del ministro dell’Economia, sono presiedute da magistrati, e composte da avvocati, notai, commercialisti e ufficiali della Guardia di finanza. Vassallo, 58 anni, è un avvocato cassazionista e, dal 1988 è giudice tributario. Docentedell’Università di Pavia, per quattro anni presidente dell’Associazione magistrati tributari della Lombardia, nel 2013 nominato nell’Osservatorio della mediazione tributaria su incarico del direttore dell’Agenzia delle entrate. A dare il via alle indagini sull’insospettabile giudice è stata la denuncia della Dow Europe Gmbh, multinazionale con un fatturato da 58 miliardi di dollari l’anno. I rappresentanti della società, contattati da Vassallo per “accordarsi” sul contenzioso in corso, non si sono piegati alla logica corruttiva e hanno denunciato tutto. Così i magistrati hanno deciso di infiltrare degli uomini delle Fiamme gialle tra gli impiegati della società nel giorno della consegna del denaro che doveva avvenire nello studio della Crowe Horwath Saspi di Milano. Mentre Vassallo incassava la prima tranche della tangente sono scattate le manette. Qualche giorno più tardi i pm hanno interrogato un altro giudice tributario, Marina Seregni. La sua voce era stata registrata dalla segreteria del 58enne: la telefonata tra i due giudici aveva fatto sorgere sospetti tra gli investigatori. Il collega le comunicava di avere urgenza di parlare con lei a proposito di due processi e anche di “una pratica” che gli interessava. La commercialista monzese però, davanti al pubblici ministeri milanesi Eugenio Fusco e Laura Pedio, coordinati dal procuratore aggiunto Giulia Perotti, aveva respinto ogni addebito e anzi si era dichiarata “vittima di una millanteria”. Ma grazie al materiale sequestrato nello studio di Vassallo i finanziari del gruppo Tutela spesa pubblica sono arrivati a lei. Secondo le accuse formulate dalla procura i due giudici tributari erano d’accordo e hanno agito in concorso tra loro, dividendosi i proventi. Entrambi sono accusati di corruzione in atti giudiziari e induzione indebita a dare o promettere utilità. Ma dalle carte emergerebbe un collaudato sistema di corruttele, al punto che non si possono escludere ulteriori colpi di scena.

18 commenti:

  1. E se avevo 350.000 euro li davo a voi?

    RispondiElimina
  2. Bravi adesso il popolo Italiano si e svagliato e comincia a fare pulizia in Italia era ora, fuori tutti quei burattini da circo come Berlusconi, Renzi,Bordini e com.e tutte le persone che hanno daneggiato la nostra Italia aiutiamo Salvini, Di Maio forse un giorno sarremo fieri di essere Italiani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai,senza alcun dubbio ragione,ma il problema è fare "la coscienza degli italiani!
      Una famiglia sana ed una scuola funzionante, potrebbe iniziare ad affrontare ed a scalfire il sistema ben congegnato dal "burattinaio"che finora ha tirato i fili da dietro le quinte!
      Un sistema scolastico efficace,eefficiente e produttivo,non può funzionare senza un reclutamento selettivo e meritocratico...

      Elimina
    2. Meritocratico come Casalino? Giustamente si colpiscimo i giudici corrotti e si mettono in galera se verranno condannati.

      Elimina
    3. Attenti, Salvini è uno di quelli che "chiacchera, chiacchera: e non fa una mazza.E' stato 20 anni assieme al pregiudicato Berlusconi e tuttora, passa spesso da Arcore a prendere ordini.😒👎

      Elimina
  3. Finalmente, qualcosa si muove.

    RispondiElimina
  4. "Le manette sono scattate il 17 dicembre scorso"... Neanche una frase di 8 parole avete capito.

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Hanno fatto bene ma debbono continuare a sguazzare nel fango della corruzione e non avere paura !viva le fiamme gialle della polizia !! Nonna Pina

      Elimina
  6. Ma il nostro amato presidente non ha detto la legge è uguale per tutti anche per i burattinai allora.

    RispondiElimina
  7. Io penso che la corruzione en.questo paese..è tanta ma tanta..siamo fino al midollo..per me non Ce soluzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero,ne sono vittima anch'io e c'è tanta omertà proprio da dove ti aspetti giustizia

      Elimina
  8. Perquesti corruttori e corrotti non serve la legge perché troppo lunga e morbida.ci vogliono le spranghe per i corruttori e un cazziatone per i corrotti.

    RispondiElimina
  9. niente di nuovo. La drammaticità in questo paese e che tutti sappiamo le cose aspettando che qualcuno ci dia la conferma e poi la miserabilità finale.

    RispondiElimina
  10. ci vuole Galera per entrambi, corrotti e corrutori, ma anche e sopratutto una volta scoperti fargli le pulci su i loro beni, come se li sono comprati / aquisiti? se non sono capaci di una spiagazione SEQUESTRARE tutto, rivendere ad aste e con i ricavati pagarci il debito publico.

    RispondiElimina
  11. E sono tutti chi più chi meno corrotti in tutti i processi

    RispondiElimina
  12. Si dice ed è scritto LA LEGGE E UQUALE PER TUTTI allora risarcimento danni e in galera

    RispondiElimina