L’AVVOCATO DEI RENZI: “SIAMO MOLTO FIDUCIOSI SULL’ESITO DEL PROCESSO”
I pm hanno chiesto il processo anche per Luigi Dagostino, che deve rispondere delle stesse accuse, più un’altra per truffa. Imputazione, questa, maturata proprio a causa di una delle fatture ‘false’, quella da 140mila euro di cui Dagostino – ormai non più amministratore della Tramor – sollecitò il pagamento al manager che gli era succeduto. Per l’accusa, Dagostino avrebbe attestato la fondatezza e la veridicità della fattura contabile cosicché venisse pagata con urgenza. “Era una decisione scontata da quando abbiamo scelto di chiedere il processo nel marzo 2018. Vogliamo infatti difenderci in un processo vero e – fa sapere l’avvocato Federico Bagattini, difensore dei coniugi Renzi – non nel tritacarne mediatico. Anche perché le fatture ci sono, sono state regolarmente pagate e il progetto per il quale Renzi ha lavorato è in corso di realizzazione: siamo dunque molto fiduciosi sul merito del procedimento”.
TIZIANO RENZI E GLI OUTLET DEL LUSSO
Il rapporto tra la famiglia Renzi e gli sviluppatori degli outlet della moda The Mall nati sotto le insegne di Gucci (a Leccio Reggello, ma anche a Sanremo e a Fasano, in provincia di Brindisi, dove però i lavori non sono mai iniziati) è stato al centro di diverse inchieste del Fatto Quotidiano negli anni scorsi. Proprio per questo motivo, Tiziano Renzi ha chiesto 300mila euro di danni al direttore del quotidiano Marco Travaglio, al direttore del sito Peter Gomez e a due suoi giornalisti (Pierluigi Giordano Cardone Gaia Scacciavillani) per quella che lui prefigurava come una campagna mediatica ai suoi danni, chiedendo appunto un risarcimento. Nel mirino del padre dell’allora premier erano finiti proprio gli articoli che si sono occupati del business degli outlet e dei suoi protagonisti (oltre a Renzi senior anche l’imprenditore Andrea Baccil’ultimo presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi, la famiglia aretina dei Moretti e il faccendiere pugliese Luigi Dagostino che in Gucci avevano contraltare il top manager Carmine Rotondaro). Un tema su cui, ora è ufficiale, i genitori di Matteo Renzi (che già avevano ricevuto dai pm fiorentini un un invito a comparire per chiarire i loro rapporti, e quelli delle loro società, con Luigi Dagostino) dovranno render conto in qualità di imputati.