lunedì 3 settembre 2018

VERGOGNA BOLDRINI: LANCIA UN NUOVO PARTITO CHE FA SOLAMENTE RIDERE GUARDATE E DIFFONDETE TUTTI QUESTA VERGOGNA... QUESTA DONNA VUOLE SOLO PORTARCI AL FOSSO!



L’acronimo Leu alla fine andava pure bene. Certo, alle elezioni è finita piuttosto male (poco sopra il 3%), ma almeno "Liberi e Uguali" non nascondeva alcuna insidia una volta abbreviato per giornali e simboli elettorali.
La stessa cosa non può dirsi per l’ultima idea di Laura Boldrini, che invece rischia di trasformarsi in un simpatico autogol.
L’ex presidente della Camera, eccitata dalla manifestazione di piazza di Milano contro Orban e Salvini, ha lanciato il suo appello alle forze della sinistra per unirsi sotto un unico simbolo da presentare alle prossime elezioni europee. L’obiettivo è quello di far ritrovare ai vari Pd, Possibile, Leu, Articolo Uno e compagnia varia "temi importanti" con cui "ricominciare a costruire qualcosa di contemporaneo e capace di attrarre giovani".
Ovviamente, come ogni nuovo contenitore che si rispetti, occorre pure trovare un'etichetta attrattiva. Il simbolo è tutto, soprattutto nella nuova politica fatta di leader e brand che vanno e vengono. La Boldrini un’idea ce l’ha già: il nuovo movimento potrebbe chiamarsi “ListaUnitariaEuropea”. Lo ha scritto lei stessa in un suo tweet del primo settembre in cui chiedeva a amici e compagni cosa ne pensavano “se per sfidare la destra, i partiti progressisti rinunciassero ai propri simboli per dare vita a una lista unitaria nel segno dell’apertura e dell’innovazione”. L’hashtag era accompagnato da quelle tre parole, scritte tutte con la lettera maiuscola. Come a dire che “ListaUnitariaEuropea” potrebbe essere il prossimo vessillo dietro cui radunare quella (marginale) “parte della società che non si è sentita rappresentata il 4 marzo”.
Il fatto è che l’acronimo “LUE” in ambito medico ricorda tutto tranne che piacevoli sensazioni. La Treccani spiega che il termine deriva dal latino lues, che significa “morbo, pestilenza, epidemia, contagio”. Nel linguaggio dei dottori e degli infermieri, invece, è sinonimo di sifilide, quella poco simpatica malattia che si trasmette sessualmente. E, per finire, in senso figurato la parola “ha usi analoghi a peste”, “calamità pubblica” e “sventura”. Nomen omen?

Le prossime elezioni europee saranno una sfida tra due visioni del mondo.

Che ne dite, se per sfidare la destra, i partiti progressisti rinunciassero ai propri simboli per dare vita a una lista unitaria nel segno dell’apertura e dell’innovazione?

Nessun commento:

Posta un commento