mercoledì 21 novembre 2018

MAFIA E SCOMMESSE: ARRESTATO VICE SINDACO DEL PD, GUARDATE E DIFFONDETE!

CATANIA – Il vicesindaco di Misterbianco Carmelo Santapaola, colonnello del Pd, tra i principali sostenitori di Luca Sammartino, è stato arrestato all'interno della maxi operazione della Procura di Catania sulla gestione delle scommesse online. Si trova ai domiciliari. Santapaola, secondo quanto risulta a LiveSicilia, che ha ricostruito l'intero albero genealogico, è imparentato col boss Nitto Santapaola ed è anche cugino di primo grado di Carmelo, Vincenzo e Giuseppe Gabriele Placenti, ritenuti “capi e promotori – scrive la Procura di Catania - dell’associazione a delinquere, costituente articolazione operativa della famiglia mafiosa Santapaola, dedita all’infiltrazione nel mercato dei giochi e scommesse a distanza ed alla gestione delle rete commerciale dell’organizzazione, finalizzata alla diffusione di giochi e scommesse a distanza illeciti”.LE ACCUSE – Carmelo Santapaola è indagato nella qualità di “agente” nel settore delle scommesse, “aderiva al sodalizio in quanto titolare di fatto – unitamente agli stessi Vincenzo, Carmelo e Giuseppe Placenti”, del centro scommesse “Orso Bianco”, attraverso il quale raccoglieva scommesse in contanti per € 25.820,11 nell’arco temporale compreso tra il 24/10/16 ed il 26/6/17".
LA POLITICA – Carmelo Santapaola, come racconta su facebook, nel passato è stato tra i sostenitori di Angelo Lombardo, ma da circa 5 anni è al fianco di Luca Sammartino, nipote del Prefetto di Catania Claudio Sammartino, che potrebbe valutare, nelle prossime settimane, il ruolo di Santapaola all'interno dell'amministrazione comunale di Misterbianco, della quale, appunto, Santapaola è il vicesindaco. Misterbianco è una delle roccaforti di Luca Sammartino, candidato alle politiche nel collegio che comprende proprio quel Comune. Resta avvolto dal mistero l'arresto, nel 2012, all'interno di una maxi operazione, di Vincenzo Placenti con un candidato della lista "Santapaola", per la detenzione di un vero e proprio arsenale. Non sarebbero stati a conoscenza della presenza delle armi nel casolare, per questo sono stati assolti. Misterbianco è uno storico feudo del centrosinistra, alle ultime elezioni il sindaco Nino Di Guardo, già deputato regionale dei Ds, ha stretto un accordo politico con Santapaola conquistando la maggioranza.
IL PROVVEDIMENTO DELLA PREFETTURA. La prefettura, nel pomeriggio, ha inviato un comunicato stampa in cui informa che "ha disposto la sospensione di diritto della carica di vice sindaco e assessore del Comune di Misterbianco di Carmelo Santapaola" ai sensi della normativa vigente. Santapaola ha rassegnato le dimissioni dall'incarico già stamattina, dopo che gli è stato notificato dai carabinieri l'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip.

Nessun commento:

Posta un commento