mercoledì 12 dicembre 2018

+ + + NOTIZIA CLAMOROSA + + + "Renzi è da fucilare alla schiena". Bufera sul direttore della Gazzetta di Lucca! Guardate e condividete ovunque...



Lui ha spiegato che si trattava di una frase metaforica, ma il caos è scoppiato lo stesso
Luisa De Montis
"Renzi è un ex boy-scout traditore da mettere al muro e fucilare nella schiena". Parole durissime quelle scritte da Aldo Grandi, direttore della testata online La Gazzetta di Lucca, in un articolo. Lui ha spiegato che si trattava di una frase metaforica, ma il caos è scoppiato lo stesso. I democratici della Toscana hanno puntato il dito contro Grandi. Che ha replicato: "Ogni volta che qualcuno afferma qualcosa che non è di gradimento al Pd e alla sua pretesa volontà di egemonizzare cultura e politica di questo Paese, si ricorre all’appellativo di fascista. Credo che i miei libri siano la testimonianza che di fascismo non c’è assolutamente traccia in tutto ciò che ho prodotto in questi anni. Ritengo che la mia frase relativa alla fucilazione alla schiena, ovviamente metaforica, vada riservata a coloro che, nei confronti del proprio Paese, si comportano da ‘traditori'”. E ancora: "Se Matteo Renzi e il Pd ritengono di sentirsi offesi per questa chiamata in causa sono pronto ad affrontarli, metaforicamente, in dibattito, se preferiscono in "duelli", in qualunque momento vorranno”.

2 commenti:

  1. L'ITALIA VERAMENTE DI PERSONAGGI CHE MERITANO DI ESSERE FUCILATI ALLA SCHIENA E' PIENA. CALCOLANDO UNA MEDIA DI 100 PER REGIONE,PER ANNO, CON UN CONTEGGIO RETROATTIVO DI ALMENO 20 ANNI, FATE VOI IL CONTO CHE IO NON SONO CAPACE!!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina