mercoledì 16 ottobre 2019

Ultim'ora: Di Maio firma lo stop alla vendita di armi alla Turchia. Siete d'accordo?

Il ministro degli Esteri Di Maio firma lo stop all’export di armi verso la Turchia

Di Maio firma l’atto sullo stop alle armi alla Turchia

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha firmato l’atto interno alla Farnesina per bloccare le vendite future di armi alla Turchia da parte dell’Italia. L’atto sarà finalizzato anche ad avviare un’istruttoria sui contratti in essere, così come annunciato nell’informativa urgente di ieri al Parlamento sull’offensiva turca in Siria.
L’Italia dal 2016 al 2018  ha ricevuto autorizzazioni per l’esportazione di  761,8 milioni di euro di armamenti verso la Turchia. 362 milioni solo nell’ultimo anno. A certificarlo è la relazione di Camera e Senato dello scorso aprile.  Questa cifra, come riportato nello stesso documento, “colloca la Turchia “tra i primi 25 Paesi destinatari di licenze individuali di esportazione nel 2018”, per la precisione tra i primi tre, dopo il Qatar e il Pakistan.
turchia siria armi italia
Di Maio blocca export di armi dall’Italia alla Turchia
Se invece teniamo conto del dato complessivo a partire dal 2015 le autorizzazioni concesse per l’esportazioni di armi salgono a 890,6 milioni di euro. Nel 2018 le armi effettivamente consegnate erano poco più della metà per un valore di 463,8 milioni di euro, il che significa che l’altra metà deve ancora arrivare a destinazione. Più della metà degli ordini quindi devono ancora essere inviati e se il blocco dell’export riguarderà solo “i prossimi contratti”, circa 426, 8 milioni di euro di armamenti sarebbero ancora autorizzati a partire indisturbati. L’istruttoria del governo potrebbe portare a uno stop delle vendite anche per le forniture che non sono ancora state consegnate.

Nessun commento:

Posta un commento