sabato 11 aprile 2020

Ultim'ora: Conte e PD litigano sul MES, sei con i 5 Stelle! Voi con chi state?

Giuseppe Conte e il Pd ai ferri corti sul Mes. A riportarlo è un retroscena di Repubblica a firma di Tommaso Ciriaco. La conferenza stampa di ieri del premier, segnata tra le altre cose dagli attacchi a Matteo Salvini e Giorgia Meloni, è arrivata al termine di una giornata convulsa, preceduta da un lungo vertice coi i partiti della maggioranza di governo. Un vertice in cui sarebbe stato in particolare il Partito Democratico ad alzare i toni. Ai dem non va giù la posizione oltranzista del Movimento Cinque Stelle sul Mes (“non lo useremo mai”). Dario Franceschini, secondo quanto riporta Repubblica, avrebbe incalzato il premier per gli attacchi dei grillini al ministro Gualtieri dopo l’Eurogruppo. Attacchi inaccettabili, secondo Franceschini.

Sullo sfondo la questione più generale del Mes, con Riccardo Fraccaro che ha sintetizzato la posizione pentastellata durante il vertice: “La posizione dell’esecutivo è chiara. No al Mes, né ora né mai”. Un’uscita che ha scatenato la rabbia di Franceschini, che ha replicato: “Non parli a nome del governo”. Il Pd e Italia Viva sono più possibilisti su un Mes senza condizioni, e hanno apprezzato la parte finale dell’intervento di Conte, che nella sua conferenza stampa ha aperto a questa possibilità. Durante il vertice, però, lo stesso Luigi Di Maio era stato netto: “Noi i soldi del Mes non lo vogliamo!”.
Fonte: https://www.tpi.it/politica/conte-pd-mes-5-stelle-tensione-20200411583878/

3 commenti:

  1. Il credito ��senza condizionalità�� è un' opportunità per potenziare la nostra sanità. Se realmente non ci sono altre condizioni sarebbe da ingenui rinunciarci❗

    RispondiElimina
  2. Avete rotto i coglioni, ma quando cazzo andiamo a sprangarli a Roma, sti pagliacci ladri buffoni di merda, è ora di finirla, adesso l Italia deve essere unita ma contro queste merde, che continuano a prenderci per il culo, e ogni occasione è buona per riempirsi le tasche, a danno nostro, svegliamoci invece di cantare sui balconi come tanti deficenti, tutti a Roma a prenderci quello che ci spetta, la nostra vitaaaa!!

    RispondiElimina
  3. Io devo essere un italiano sbagliato, perchè la penso quasi sempre come i tedeschi. Se non siamo capaci di recuperare 108 miliardi di euro l'anno di evasione ( compreso lavoro nero) non è colpa di altri, è solo colpa nostra. Se continuiamo a mantenere l'Alitalia che perde 1 milione di euro al giorno (compreso sabato e domenica) non è colpa di altri è solo colpa nostra. E se l' Alitalia la vogliamo nazionalizzare facciamo anche peggio di quello che già stiamo facendo, cioè sopportare la sua esistenza.
    Se analogamente continuiamo a mantenere l'ATAC di Roma, che al momento perde più di 2 milioni di euro al giorno, non è colpa di altri, è solo colpa nostra. Se lo Stato Italia vive sopra le proprie possibilità ( se non fosse così non avremmo 2400 miliardi di debito ) non è colpa di altri è solo colpa nostra. E gli errori italiani, così come i privilegi che l'Italia si è concessa ( e si concede tutt'ora) non verranno pagati da nessuno se non dall'Italia stessa. Non si tratta dunque di una Europa egoista ed avara, si tratta di non prendere più in giro l'intero parlamento europeo. Si tratta di far capire agli italiani che non possono più spendere i soldi che non hanno elargendo quattrini a pioggia. L'Europa ci sta dicendo che se vogliamo altri soldi ce li daranno, ma ci sarà qualcuno che controllerà come li spenderemo. Il MES dunque. Oppure il MES Light. Dov'è il problema ? Dov'è la paura ? O forse la nostra intenzione nascosta è quelle di chiedere soldi " solidali" per affrontare il COVID 19 dal punto di vista sanitario, per poi spenderli in improbabili "redditi " da dedicare a chi non ha mai fatto nulla e che percependolo non farà mai nulla ?

    RispondiElimina