domenica 17 maggio 2020

Conte sfida l’Olanda: sistema fiscale presto competitivo anche in Italia

In Italia nascerà un sistema fiscale vantaggioso per le aziende, capace di competere con quello dell’Olanda, ben nota per attrarre le imprese grazie alle agevolazioni presenti, prima su tutte FCA.

Interrogato in sede di conferenza stampa a presentazione del nuovo DPCM sulle riaperture dal 18 maggio sul caso FCA, che si vocifera abbia richiesto un prestito di oltre 6 miliardi nell’ambito degli aiuti promessi dal decreto Rilancio, il premier Giuseppe Conte ha illustrato il suo piano per alleggerire il peso del sistema fiscale sulle aziende.

Attraverso il venturo decreto Semplificazioni, il premier promette di rendere l’Italia attrattiva agli occhi delle imprese, in un certo senso «sfidando» la nomea di paradiso fiscale dell’Olanda.L’Italia sfiderà l’Olanda sul campo del sistema fiscale
Il problema che vede grandi aziende come FCA collocare la propria sede principale all’estero verrà affrontato all’interno del decreto Semplificazioni, promette Conte, al quale il Governo continuerà a lavorare nelle prossime ore

8 commenti:

  1. Allagrande Presidente, siamo con Lei!

    RispondiElimina
  2. Ottima iniziativa. Finalmente s)a pari con gli altri stati chr hanno lucrato sulle debolezza del nostro sistema economico.

    RispondiElimina
  3. "Sarebbe l'apoteosi di un Presidente del Consiglio che surclassa qualsiasi altro Predecessore anche lontano nel tempo...E' instancabile probabilmente ci si diverte...! Vai avanti così Presidente Conte sei davvero grande!"

    RispondiElimina
  4. GRANDE presidente sempre instancabile per essere vicino agli italiani! Grazie a tutti!!

    RispondiElimina
  5. Va benissimo ma ...Spero solo per le grandi imprese ,altrimenti il sistema di tassazione rovinerà I salari.

    RispondiElimina
  6. me lo auguro ma, se si continua a dar spazio a chi propone Condoni. insomma, sara' dura.

    RispondiElimina
  7. Be se riesce a fare questo e senza aumentare i nostri debiti sará un grande: basta a farci mettere i piedi in testa dall’Europa!

    RispondiElimina