martedì 19 maggio 2020

Il ricatto di Renzi: Io ti salvo Bonafede, ma tu in cambio cosa mi dai? Vergognati!

Di Andrea Scanzi
Renzi resta Renzi e i renziani restano i renziani. Ora stanno minacciando di votare mercoledì la mozione di sfiducia dell’opposizione a Bonafede, perché al Senato i numeri sono ballerini e loro potrebbero essere decisivi. Il ricatto politico è chiaro: avere più potere (cioè più poltrone), altrimenti loro si defilano. Verrebbe da ridere, perché Forza Italia Morta non ha voti in natura e dunque ha ben poco da minacciare, ma l’uomo (e i pochi che ancora lo seguono) sono disposti a tutto pur di attirare l’attenzione. Anche tagliarsi gli zebedei per far dispetto alla moglie. Si dice che, tra le poltrone chieste “in cambio del voto pro Bonafede”, ci sia un ministero per la Boschi. Non c’è davvero mai stata una corrente politica più bassa e irricevibile di quella renziana. Non nella storia repubblicana italiana, almeno. Che pena.

5 commenti:

  1. No comment😠😠😠😠😠😠

    RispondiElimina
  2. Insomma, i 5s pur di mantenere le poltrone hanno fatto l'accordo con i mafiosi, schifosi, ladri, con quelli di Bibbiano, praticamente il bue che dal cornuto all'asino

    RispondiElimina
  3. I 5 stalle fanno la stessa identica cosa

    RispondiElimina
  4. Hanno voluto fare il governo con sti ignobili mervenari? Di che si lamentano? Povdra Italia

    RispondiElimina