venerdì 19 giugno 2020

Coronavirus, dalle ordinanze per il consenso ai dati sbagliati: in Sicilia i conti non tornano!

Coronavirus, dalle ordinanze per il consenso ai dati sbagliati: in Sicilia i conti non tornano
„Dopo l'ultimo colpo di scena (i positivi sull'Isola non sono 805 ma 153), serpeggiano i dubbi sull'effettiva correttezza dei contagi totali e sulle modalità con le quali sono state prese le decisioni. Dall'attesa per i tamponi a chi era costretto in casa ai dati chiesti e mai avuti su Palermo“.
E meno male che in Sicilia i numeri non sono stati quelli della Lombardia. Chissà come sarebbe finita... L'ultimo colpo di scena sul fronte Coronavirus è datato giovedì 18 giugno, ore 20.38. Alle redazioni di tutti i giornali è arrivata una mail dalla Regione. Oggetto: "Completato allineamento dei dati, Sicilia a un passo da territorio Covid free". In parole povere: abbiamo scherzato. I malati attuali non sono 805 (come scritto nell'ultimo bollettino ufficiale di mercoledì) ma 153. Una sforbiciata di 652 unità agli attuali positivi. Un errore - secondo la spiegazione di Palazzo D'Orleans - dovuto "al doppio conteggio di alcuni pazienti in fase iniziale e al mancato censimento di una parte dei guariti durante l'emergenza".
Coronavirus, dalle ordinanze per il consenso ai dati sbagliati: in Sicilia i conti non tornano
„In pratica una risposta (finalmente) a tutto ciò che in tanti si chiedevano da tempo: ma com'è possibile che sull'Isola si guarisce a tempo di lumaca rispetto al resto d'Italia? Da un mese i contagi sono nell'ordine di uno o due al giorno, come potevano esserci ancora 800 positivi? Come i lettori, ce lo siamo chiesti anche noi come giornale. Che ogni giorno vi diamo conto della situazione epidemiologica sull'Isola. E chiedere lumi a chi di dovere non è stato mai molto facile: sin dall'inizio dell'emergenza. Per arrivare alla svolta c'è voluto che il direttore dell’Unità operativa Malattie infettive al Garibaldi di Catania e membro del comitato scientifico regionale, Bruno Cacopardo, sollevasse il dubbio. 

Nessun commento:

Posta un commento