martedì 30 giugno 2020

L'ira di Trump sulla Ue, tentato da rappresaglia. Tensioni.

Uno smacco, un affronto da parte di Bruxelles. E' probabile venga vissuta cosi' alla Casa Bianca l'esclusione degli Usa dalla lista di Paesi i cui viaggiatori potranno entrare di nuovo in Europa. Uno schiaffo che brucia per Donald Trump, gia' assediato su mille fronti e che vede i media ostili scatenarsi una volta di piu': "Persino i cinesi potranno entrare nel Vecchio Continente", il rimprovero mosso a un'amministrazione accusata di non aver saputo assolutamente gestire la pandemia. Eppure la Ue e' stata chiara nello spiegare come la decisione su chi fare o non fare entrare non abbia alcuna sfumatura politica, ma sia unicamente legata a criteri di sicurezza sanitaria. Del resto in alcuni Paesi il picco dei contagi e' ancora troppo elevato per rischiare. E negli Usa si e' registrata una media di 40 mila nuovi casi al giorno nell'ultima settimana. E non aiuta l'allarme delle ultime ore lanciato in Congresso dal virologo Anthony Fauci: "I nuovi casi in Usa potrebbero raggiungere i 100 mila al giorno, con rischi per l'intero Paese".

Nessun commento:

Posta un commento