lunedì 6 luglio 2020

Salvini: A fine carriera mi candidero' a sindaco di Milano. Poltronaro fino alla fine.

Salvini: "Candidarmi a sindaco di Milano? A fine carriera sicuramente sì". Sala: "Se mi ripresento non mi preoccupo degli avversari"Candidarmi sindaco di Milano? Alla fine della mia carriera ci penserò, assolutamente". E' uno dei tormentoni milanesi degli ultimi mesi (ma forse anche degli ultimi anni): e se a candidarsi a Palazzo Marino, per riportare il governo della città al centrodestra, fosse proprio il leader della Lega Salvini, che in consiglio comunale a Milano è politicamente nato negli anni Novanta? A margine di un incontro con la federazione degli autotrasportatori a Milano, il segretario della Lega ha sottolineato l'intenzione per la Lega di riprendere la guida della città, dopo "l'immobilismo" della giunta attuale del sindaco Beppe Sala. "Adesso ho voglia di riprendere per mano questo Paese" ha aggiunto spiegando "siccome prima o poi ci dovranno far votare a livello nazionale, c'è bisogno di concretezza. Stiamo preparando la squadra. La via maestra sono le elezioni, speriamo che questo governo tolga il disturbo il prima possibile".E quindi, dice Salvini, prima il governo, "poi chiudo in bellezza come sindaco, se i milanesi vorranno. Però c'è tempo. L'anno prossimo sarà qualcun altro a battere Sala, ammesso e non concesso che Sala si ricandidi, perchè lo vedo su altri lidi".Ma se per il candidato del centrodestra non c'è ancora certezza, non è più definita la situazione in casa centrosinistra. "Se mi ricandiderò a sindaco di Milano non mi preoccuperò dei miei avversari, nessuno come me può farlo", assicura il sindaco in carica Beppe Sala intervistato a Rtl102,5. Aggiungendo: "Non so se mi ricandiderò, ma è una dichiarazione d'amore nei confronti di Milano, perchè io voglio il meglio per questa città, se lo posso essere io e nessuno come me può farlo, ma devo sentirmi di essere nelle condizioni per accettare questa sfida, voglio essere sicuro di avere le energie. Non mi preoccuperei di chiunque mi mettano contro, se io sono convinto vado avanti a testa bassa, ma voglio sentirmi dentro a questa cosa, penso che sia un discorso serio. Io non mi vedo in altri ruoli, non ho un piano b, il mio piano è sempre stato ed è di fare bene il sindaco di Milano".

Nessun commento:

Posta un commento