giovedì 2 luglio 2020

Ultim'ora: Conte, ultimatum al Governo: “è il momento del coraggio” Leggete e dite la vostra

Coraggio: la parola d’ordine di Conte al Governo. Così il presidente del Consiglio ha voluto richiamare la sua maggioranza a osare, sia in tema di Decreto Semplificazioni, sia per quanto riguarda le elezioni regionaliSuona quasi come un ultimatum quello di Conte al Governo: bisogna avere coraggio e adesso.

In vista dell’approvazione del Decreto Semplificazioni, che ancora non riesce a trovare la stesura finale condivisa appieno dall’esecutivo, il Presidente del Consiglio ha voluto inviare un messaggio chiaro proprio alla sua maggioranza.

L’appuntamento per l’Italia è storico, secondo il primo ministro, e non può essere mancato. Per questo, ha richiamato i suoi alleati a osare, sia per quanto riguarda le nuove disposizioni sulla semplificazione del sistema Paese, sia in vista delle elezioni regionali.

Conte ha usato la parola coraggio, quasi a ribadire che occorre agire, senza più divisioni.Conte: “è il momento del coraggio. No passi indietro”
Il riferimento esplicito è al complesso lavoro in corso sul Decreto Semplificazioni, ma il messaggio di Conte al suo Governo è parso più generale:

“È il momento del coraggio: l’Italia non è disposta a fare passi indietro. Non possiamo concederci di mancare questo appuntamento storico per l’Italia. Tutti dobbiamo osare. Non possiamo accettare il principio per cui non facciamo per paura di infiltrazioni”Si è detto fiducioso, il presidente del Consiglio, sull’esito della discussione in corso con la maggioranza, rimandando al mittente anche le voci su un clima di gelo con Zingaretti. Il segretario del PD ha incontrato proprio Conte nel primo pomeriggio del 2 luglio, forse per fare il punto sugli “atti concreti” chiesti dai dem.

Intanto, però, il primo ministro ha fatto - di nuovo - capire che sul Decreto Semplificazioni non intende arretrare e l’intenzione è di procedere spediti: “tutti dobbiamo osare avendo cura perché ci siano dei presidi di legalità rafforzati, dei protocolli antimafia, ancora maggior trasparenza...l’Italia ha sofferto così tanto in questi mesi che vuole una ripresa veloce, certa”

E quindi la parola d’ordine scelta è stata coraggio: quasi un ultimatum per scongiurare passi falsi.

Conte invita al coraggio anche sulle elezioni regionali
Il presidente del Consiglio ha avuto da dire anche sulle prossime elezioni regionali. Un appuntamento politico rilevante, per il quale è tornata la parola coraggio.L’auspicio di Conte è che si possa presentare l’alleanza di Governo tra PD e M5S, a testimonianza del buon lavoro fatto finora:

“Possibile non trovare un momento di sintesi agli appuntamenti regionali? Sarebbe una sconfitta per tutti, anche per me, se non si trova un modo per fare un passo avanti. Basterebbe mettere da parte le singole premure”

Un invito esplicito, quindi, quello del presidente del Consiglio a presentarsi uniti, pentastellati e democratici, forse per avere un responso anche sul suo operato.

L’ipotesi è al vaglio con diversi ostacoli e titubanze, soprattutto dal Movimento 5 Stelle.

3 commenti:

  1. Beh! quel che dice il Presidente lo condivido in pieno. E' il momento d'essere pragmatici oltre alle esortazioni iniziali, ma anche per le prossime elezioni amministrative. Sarebbe irrazionale andare da soli, rispettivamente, al fronte a combattere contro un esercito coalizzato e feroce come la destra per non dire extra destra rafforzando ancor di più le armi per le politiche, che vuoi o non vuoi fra non molto scadrà il mandato di governo e non si avrà alcuna speranza di riconferma. I 5S, penso, che sanno di non essere il primo partito, lo è . per il momento virtuale, grazie il sotterrae dell'ascia di guerra Renzi ostacolando la invasione di Salvini che non avremmo più potuto smantellare il suo insediamento e saremo costretti a rassegnarci ai soprusi della destra che rischia l'uscita dall'Europa coesi con la Le Pen ed il dittatore presidente dell'Ungheria Orban, tornando alla privazione della nostra tanta combattuta per ottenerla libertà. Che Dio dia loro LUMI!

    RispondiElimina
  2. E giusto e giusto farlo presentarci uniti x il cd si unisce pensando che 5 stelle e pd concorrono separati con la speranza di vincere o si cambia legge oppure si deve andare compatti anche per dimostrare a tutto quello che è stato fatto insieme a conte e lui se lo merita veramente anche se ci sono certe cose che sarebbero dovute fare essere più INCISIVI PIÙ DETERMINANTI VERSO QUEL COGLIONE PRESIDENTE DELL INPS E NON DARE LA POSSIBILITA ALLE REGIONI DI GESTIRE CASSA INTEGRAZIONE ECC.parola d'ordine ANNIENTARE IL CENTRO DESTRAAAAAAAAÀ

    RispondiElimina
  3. INVASATO:SOLO COSI' SI POSSONO SPIEGARE TUTTE LE CAZZATE CHE HAI SCRITTO.FAI UN LUNGO RESPIRO E RIPRENDITI.

    RispondiElimina